Coronavirus a Roma e nel Lazio: eventi sospesi, rinviati e orari di apertura modificati » Info

Modi di dire Romani: i 20 più belli e divertenti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 2 . Media: 5,00 su 5)
Modi di dire Romani: i 20 più belli e divertenti

Se “mettice na toppa!” è una chiara esclamazione di approvazione, il “me ne stoppo”, sta per un chiaro me ne frego. Dall’amichevole “Se semo visti”, ovvero ciao, si può, anche passare ad un meno amichevole “stà in campana”, ossia un invito allo stare attenti. Se, invece, dovesse capitare di ascoltare un romano che dovesse dire di “avecce le fregne”, si dovrà intendere che la persona è incavolata, così come se un qualcuno dicesse “cascà come na pera cotta”, vorrà dire cadere come un sasso.

 

Molti dei modi di dire romaneschi, proprio per il loro sintetico significato, sono divenuti parte stessa della lingua italiana. Pur tuttavia, pronunciati da un romano verace assumono una scenografia unica e rara, in grado, quindi, sulla base delle sfumature del dialetto, di assumere differenti significati. Il dialetto romanesco, pertanto, è assolutamente ricco di esclamazioni, di forme idiomatiche e modi di dire. Non per nulla, vi sono appositi modi di dire romani indirizzati alle persone, come, anche, per indicare gli attribuiti fisici, oppure il modo di vestirsi, di proporsi, così come pera i soldi e per gli affari e via dicendo.

 

Per comprendere una così ampia varietà di modi di dire, si potrebbe ricordare che a Roma prima si è una creatura, poi si diventa un pupo, un pischiello, per poi essere i rigazzi e i giovinotti. Senza alcun politically correct a Roma, una ragazza può, ad esempio, essere una zinnona, una strappona, una sgallettata.

 

Non è poi difficile sentire appellativi come scrocchiazeppi, bambacione, buzzicone, traccagnotto, cozza. Se poi si intende un intellettuale è facile sentire dire che è un baciapile. Bajocchi, papabraschi, piotte, svanziche indicano i soldi mentre alcuni dei “termini economici”, possono essere sparambio, esse spennato, carestoso. Ma vediamo i 20 più belli e divertenti modi di dire Romani. Eccoli!

 

  • Abbioccasse; appennicasse; avecce la cecagna
    Tutti e tre i modi di dire indicano uno stato totale e completo di relax, di calma assoluta.
  • Abbozzà
    Classico modo di dire per indicare l’accettazione di un qualcosa o di un pensiero in una maniera che non prevede alcuna forma di diniego.
  • A caterve
    Ovvero, in grande quantità.
  • Annà in puzza
    Tradotto equivale ad un impermalosirsi.
  • E quann’affitti
    Sta per: è una cosa lunga.
  • C’ho na zella
    Ovvero, ho una jella.
  • Datte na mossa
    Sbrigati, sii veloce.
  • Famo a capisse
    Intendiamoci.
  • M’arimbarza
    Non mi fa né caldo né freddo.
  • Er mejo fico der bigonzo
    Il più “bello”, detto in forma ironica.
  • Come er cacio sui maccheroni
    È indicante un perfetto abbinamento.
  • Esse de coccio
    Essere testardo.
  • Aripijate
    Evita di esagerare, controllati.
  • Cercà cor lanternino
    Cercare un qualcosa che è difficile da trovare.
  • Fijo de mignotta
    Da non confondere con fijo de na mignotta, che è, invece, un insulto. In questo caso significa essere furbi.
  • Vecchio com’er cucco
    Molto vecchio.
  • Ndo cojo cojo
    Andare senza una meta precisa.
  • Me sta a dà er pilotto
    Mi stai dando il tormento.
  •  

    Se siete alla ricerca di altre espressioni simpatiche e colorite, non perdete neanche il nostro articolo: Le 25 più belle e divertenti Parolacce in Romanesco.

Iscriviti Gratuitamente alla Newsletter di Roma Pop
X